domenica 13 maggio 2018

1° raduno nazionale canoe d'epoca




Vittorio: canoista fluviale anni '80

Evento storico oggi sul piccolo, ma sempre incantevole, Lago di Pusiano.
La prima edizione del raduno nazionale di canoe d'epoca ed autocostruite; da un'idea di Andrea Alessandrini il quale vuole creare un punto di riferimento per i proprietari ed appassionati di canoe e kayak non proprio modernissimi o autocostruiti/modificati.
Il tutto è iniziato sabato: con la scusa di creare una piccola esposizione di barche storiche gli organizzatori hanno iniziato il lavoro di catalogazione e raccolta dati (anche immagini) di tutte le canoe d'epoca presenti. Questa iniziativa è l'embrione di quello che vuole essere una specie di registro italiano della canoa storica.
Lodevole iniziativa.

Oggi, nonostante il cielo minaccioso e le previsioni per nulla incoraggianti, ci siamo ritrovati in più di 50 al lido di Casletto. Qualche canoa storica (sopratutto ASA ovviamente), qualcosa di autocostruito (parecchie, splendide, canadesi in legno) ed anche qualcuno – come me – con kayak moderni.
il kayak in bottiglie
Da segnalare la presenza di una canoa, forse più una zattera, costruita con circa 180 bottiglie di plastica vuote legate assieme con nastro adesivo e corde in un sottile telaio di bambù. Kayak per altro completo di timoneria perfettamente funzionante.

Imbarco alla spicciolata: in primao piano C2 decisamente vintage

In tarda mattinata abbiamo effettuato il giro del lago in senso orario ed al ritorno ci siamo fermati a godere dell'improvviso bel tempo perdendoci in chicchere e tirando così metà pomeriggio quando ci siamo dileguati tutti poco prima che arrivasse il tanto annunciato temporale.

Un raduno diverso, senza dubbio particolare, già solo per il fatto di potersi confrontare direttamente con persone che vivono la pagaia in maniera estremamente diversa: dal kayaker da mare super tecnico a chi discende impetuosi torrenti passando per i velocisti delle specialità olimpioniche fino a chi passa mesi a piallare e lavorare legni pregiati per assemblare la sua barca.

Mi ha fatto anche parecchio piacere vedere che chi ha scoperto oggi il Lago di Pusiano ne è stato positivamente impressionato. Molti i canoisti che senza questo evento mai sarebbero venuti fin qui a pagaiare in questo piccolo bacino brianzolo ma che si sono ripromessi di tornate con le piante in piena fioritura o coi colori caldi dell'autunno.

una delle non poche canadesi in legno che hanno attirato l'attenzione di molti

prua di un kayak mare in legno




Nessun commento:

Posta un commento